Le notizie nascono con noi e vivono con voi
accedi con facebook | registrati e collabora con noi
19 Dicembre 2014

Cadmio, manganese, piombo: ecco cosa c'è nei pomodori delle discariche

Analisi choc delle Iene. Ora cosa altro c'è da studiare? Chiudete le porte all'inferno

del 15 Ottobre 2013 22:45

Cadmio, manganese, piombo: ecco cosa c'è nei pomodori delle discariche Quello che avrebbero dovuto fare la politica e la sanità lo ha fatto la televisione. Dimostrare, cioè, che la frutta e la verdura coltivata nella Terra dei Fuochi fa schifo, che fa ammalare e morire, che è piena di veleni. foto CasoÈ stato semplice in maniera allucinante dimostrare che quelle terre maledette producono morte. Nadia Toffa delle Iene ha semplicemente finito quello che aveva cominciato due martedì fa con questo servizio. Ha preso una pianta e l'ha fatta analizzare. Perché non lo hanno fatto le istituzioni prima di lei? Perché tutto quello che ha saputo produrre l'ex ministro della sanità Renato Balduzzi è stato un miserabile progetto di studio? Che accidenti c'è ancora da studiare? Le pecore deformi di Alessandro Cannavacciuolo non sono abbastanza? Le decine di bambini morti non sono abbastanza? Le centinaia di casi di tumore non sono abbastanza? I contadini criminali e ignoranti che hanno irrorato i campi con il mix letale di concime e veleni del nord non sono abbastanza? Che accidenti ancora serve perché si dichiari lo stato emergenza? Che altre prove servono perché si chiudano le porte dell'inferno, perché si presidino i campi dove coltivatori criminali continuano a seminare, crescere e vendere patate, pesche e mele e venderle al mercato? Basta. Basta. Basta. Non è più tollerabile che davanti a questa immane tragedia ci si balocchi ancora con progetti di studio e si sparino baggianate come quella, ricorrente, degli stramaledetti "stili di vita". Basta. Fate chiarezza, fate pulizia, spegnete i roghi, accendete una speranza per queste persone maledette dalla storia, dalla criminale incapacità della politica, dalla camorra ignorante e senza scrupoli, dal cinismo di chi per disfarsi con poca spesa di rifiuti speciali ha avvelenato una regione. Basta. Ora serve una Terra dei Fuochi pulita. Non tra ottant'anni, presidente Caldoro, ma adesso. Domani. Domani mattina, chieda al prefetto di convocare un comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica e occupatevi di Giugliano, di Caivano, di Orta di Atella. Cominciate, subito. Chiudete le porte dell'inferno.
Giuliana Caso
Giuliana Caso Caporedattore Caporedattore ParalleloQuarantuno.it

Giornalista professionista, altro non sa fare, per cui, in un modo o nell’altro, da vent’anni fa questo mestiere ingrato. Non è una nativa digitale, ma ha salutato con gioia l’avvento del web e soprattutto di Parallelo 41, con cui collabora dalla sua nascita

Sempre aggiornato con la newsletter


Dichiaro di aver letto l'informativa e sono consapevole che il trattamento dei dati è necessario per ottenere il servizio proposto dal sito, dichiaro di essere maggiorenne.

Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statisithce, sondaggi d'opinione da parte di Società del gruppo websigner srl.

Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statisithce, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.

Vi autorizzo alla lettura dei miei dati di navigazione per effettuale attività di analisi e miglioare l'offerta e i servizi del sito in linea con le mie preferenze e i miei interessi

IODIO di Ilaria Puglia
Io odio le fronde. Ma se il branco fa amicizia per merito mio, allora godo
50819   
SU FACEBOOK